bsyayinevi.com

Laici e credenti: una fede comune. La sfida della ragione e la cultura della vita - Sandro Bondi

DATA DI RILASCIO 01/01/2006
DIMENSIONE DEL FILE 11,28
ISBN 9788804561262
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Sandro Bondi
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Divertiti a leggere Laici e credenti: una fede comune. La sfida della ragione e la cultura della vita Sandro Bondi libri epub gratuitamente

In questa società, che sempre più spesso si trova a dover affrontare problemi etici fondamentali per il destino della civiltà occidentale, si avverte l'urgenza di un dialogo tra laici e credenti che individui un senso della vita condiviso, un'unica verità etica. E questo è realizzabile, ovviamente, solo se si supera ogni sorta di relativismo e di integralismo, sia laicista sia confessionale, in quanto rinuncia alla "sfida della ragione come apertura alla categoria della possibilità". Da laico e credente, Sandro Bondi invita ad approfondire tale ambito di riflessione tracciando una "mappa culturale" del nostro tempo, dalla quale emergono i tanti campi in cui si rivela indispensabile un confronto tra laici e credenti, tra ricerca e fede, tra modernità e tradizione.

...e, vede", scrive il Papa, perché la luce della fede viene da Dio ed è capace di illuminare tutta l'esistenza dell'uomo: procede dal passato, dalla memoria della vita di Gesù, ma viene anche dal futuro perché ci schiude grandi orizzonti ... Il sentiero comune di laici e cattolici - Corriere.it ... . Il primo capitolo (n. 8-22): Abbiamo creduto all'amore (1 Gv 4, 16). La ragione interiore e teologica di questa presa di coscienza, per una presenza fattiva dei fedeli cristiani laici in collaborazione stretta e diretta con i Pastori , come fu per l'Azione Cattolica, poggiava sulla diaconia cristica che, nello stile dell'incarnazione, si poneva nella storia quale lievito evangelico nella e per la società. «Con Dio o senza Dio: che cambia?», svoltosi il 7 e l'8 giugno nella basilica di San Frediano a Lucca, prima ancora che un convegno diocesano potremmo definirlo un'esperienza di dialogo e di testimonianza. La prima sera si è svolto l' ... Laici e credenti: una fede comune. La sfida della ragione ... ... . «Con Dio o senza Dio: che cambia?», svoltosi il 7 e l'8 giugno nella basilica di San Frediano a Lucca, prima ancora che un convegno diocesano potremmo definirlo un'esperienza di dialogo e di testimonianza. La prima sera si è svolto l'atteso dibattito tra le ragioni di chi crede e chi non crede. Enzo Bianchi, priore di Bose, e Paolo Flores D'Arcais, filosofo e giornalista, hanno dibattuto ... « I fedeli laici si trovano sulla linea più avanzata della vita della Chiesa; grazie a loro, la Chiesa è il principio vitale della società. Per questo essi soprattutto devono avere una coscienza sempre più chiara non soltanto di appartenere alla Chiesa, ma di essere la Chiesa, cioè la comunità dei fedeli sulla terra sotto la guida dell'unico capo, il Papa, e dei Vescovi in comunione con ... Registrazione audio del dibattito dal titolo "I confini della fede e della vita", ... Laici e credenti. Una fede comune". ... e credenti potrà laici e cattolici Io credo che la sfida più ... Il Dio ignoto per laici e credenti * di Vincenzo Di Marco *Pubbliccato sul trimestrale Rivista Abruzzese Nel nostro Paese le questioni etiche e religiose sono diventate monopolio esclusivo della informa-zione mass-mediologica. Ed è esperienza comune oggi vivere con disagio l'approccio a tali que- Chiesa che vive tra le case degli uomini. Bignardi Paola. Settimana Nazionale di Spiritualità Missionaria. Assisi 2005. È. un tema, quello della parrocchia, della missione, della laicità, che mi sta molto a cuore. È un tema a cui penso da molto tempo anche perché, come cristiana, sono nata e cresciuta in parrocchia. Come credenti, siamo tutti chiamati a confrontarci con tre sfide: la sfida dell'identità, la sfida della differenza e la sfida del pluralismo. La sfida dell'identità è acquisire una coscienza del contenuto della propria fede, perché non si può dialogare sull'ambiguità. La fede cristiana rivendica il proprio ruolo pubblico in quanto è espressione di verità e quindi di razionalità e di piena umanità. La nostra è la fede «nel Dio dal volto umano» [9]. Per lo stesso motivo, essa è indispensabile per il bene comune e per una ragione pubblica che non voglia porsi come fondamentalista. È la fede spinta all'estremo e brandita contro la ragione a mo' di sfida.Qui non è neanche più il principio di autorità, l'ipse dixit, a fondare la fede, ma l'assurdo. C'è in nuce la psicologia del fedele: il sentire come una forza, come una virtù, la disponibilità a credere a qualunque cosa.Credere con una fede incrollabile: ci vuole coraggio, personalità. Ordo Virginum, 50 anni controcorrente 30/05/2020 Ripristinato il 31 maggio 1970 da Paolo VI, l'ordine delle Vergini consacrate si distingue per non avere simboli né opere distintive né gerarchia. «Siamo donne immerse nella società, la nostra opera è la relazione con l'altro: mettiamo a frutto i nostri doni con la guida del vescovo, condividendo la predilezione per gli emarginati». Lunedì scorso si è svolto a Todi, in provincia di Perugia, l'importante Forum dell'associazionismo cattolico impegnato nel mondo del lavoro. Un evento che ha fatto e fa discutere l'opinione pubblica laica e cattolica. Su questo evento abbiamo intervistato Giuseppe Vacca, … Continue reading → Libro di Bottigheimer Christoph, Le difficoltà della fede - Riflessioni teologiche su problematiche questioni di fede ed esperienze ecclesiali, dell'editore Queriniana Edizioni, collana Giornale di teologia. Percorso di lettura del libro: Teologia, Collane di teologia Queriniana Edizioni, Giornale di Teologia - gdt -....