bsyayinevi.com

Diritti degli altri. Stranieri, residenti, cittadini (I) - Seyla Benhabib

DATA DI RILASCIO 01/01/2006
DIMENSIONE DEL FILE 3,34
ISBN 9788860300249
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Seyla Benhabib
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Il miglior libro Diritti degli altri. Stranieri, residenti, cittadini (I) pdf che troverai qui

La studiosa di teoria politica Seyla Benhabib ci propone un potente appello in favore del federalismo cosmopolita. L'autrice sostiene la necessità di confini non aperti ma porosi, in grado di contemperare il diritto di accesso di rifugiati e richiedenti asilo con le prerogative giuridiche degli organismi democratici territorialmente definiti. I diritti degli altri costituisce un intervento fondamentale nel dibattito politico contemporaneo, di sicuro interesse per studiosi e cultori di teoria politica, diritto, filosofia e relazioni internazionali.

... Erhard Denninger, Menschenrechte zwischen trad ... Vademecum su diritti, doveri e soggiorno degli immigrati ... ... . tedesca, Frankfurt a. M. 2008 (Edizione italiana: I diritti degli altri. Stranieri, residenti, cittadini, Raffaello Cortina Editore, Milano 2006) 2 Dedico questo testo a Jürgen Habermas per i suoi ottant‟ anni, con ammirazione ed amicizia. 3 Su tale problema si veda Erhard Denninger, Menschenrechte zwischen Dall'anzianità di residenza (e cioè di iscrizione all'anagrafe) dipendono inoltre anche altri diritti importanti per gli immigrati. Si va dalla possibilità di accedere alle cas ... I DIRITTI DEGLI ALTRI - Stranieri, Residenti, Cittadini di ... ... . Si va dalla possibilità di accedere alle case popolari alla domanda di cittadinanza italiana , sia per residenza che per matrimonio. È quindi sempre importante iscriversi all'anagrafe e aggiornare la propria posizione nel caso si cambi residenza. Per quanto riguarda i diritti inviolabili, gli stranieri godono del principio di uguaglianza con i cittadini sancito all'art. 3 della Costituzione. Tutela contro il razzismo, la tutela della salute degli stranieri e altre fattispecie riguardanti i diritti degli stranieri presenti sul territorio nazionale, sia legalmente che non. Ottenendo la cittadinanza italiana, uno straniero ha gli stessi diritti e doveri degli altri cittadini italiani. Si può ottenere la cittadinanza: Per nascita, se ha genitori stranieri ma è nato in Italia, può richiedere la cittadinanza italiana entro un anno dal compimento dei 18 anni se: Trova tutto il materiale per I diritti degli altri. Stranieri, residenti, cittadini di Seyla Benhabib I cittadini di altri stati membri dell'Unione europea, sebbene non debbono esibire il passaporto per ottenere la residenza, vedono condizionato il diritto alla residenza al riconoscimento del diritto di soggiorno in uno degli Stati membri diverso da quello di cittadinanza, come stabilito dalla direttiva n. 2004/38/CE, "Diritto dei cittadini dell'Unione e dei loro familiari di circolare e di ... -cittadini comunitari che pur trovandosi nel territorio italiano, non hanno i requisiti per potersi iscrivere al servizio sanitario nazionale, si trovano in situazioni di indigenza e senza possibilità di avere una copertura sanitaria. Cittadini Comunitari in soggiorno inferiore a 3 mesi in Italia I Diritti Degli Altri è un libro di Benhabib Seyla edito da Cortina Raffaello a febbraio 2006 - EAN 9788860300249: puoi acquistarlo sul sito HOEPLI.it, la grande libreria online. Lo straniero e la condizione di reciprocità. Ai sensi dell'articolo 16 delle "Disposizioni sulla legge in generale", contenute nel Regio Decreto n. 262 del 16 marzo 1942, "Lo straniero è ammesso a godere dei diritti civili attribuiti al cittadino a condizione di reciprocità e salve le disposizioni contenute in leggi speciali. Gli stranieri stabilmente residenti in Italia hanno diritto ad esercitare i diritti politici. La cittadinanza non c'entra nulla ed i bambini con le bandierine in mano ancor meno. "Allo straniero comunque presente alla frontiera o nel territorio dello Stato sono riconosciuti i diritti fondamentali della persona umana previsti dalle norme di diritto interno, dalle convenzioni internazionali in vigore e dai principi di diritto internazionale generalmente riconosciuti." [dlgs 286, art. 2, c. 1]....