bsyayinevi.com

La politica dell'esclusione. Deportazione e campi di concentramento - Renzo Paternoster

DATA DI RILASCIO 21/01/2020
DIMENSIONE DEL FILE 5,5
ISBN 9788832870954
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Renzo Paternoster
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Puoi scaricare il libro La politica dell'esclusione. Deportazione e campi di concentramento in formato pdf epub previa registrazione gratuita

Nella storia i campi di concentramento sono serviti per demolire ciò che doveva essere, per convertire le volontà, per annichilire l'essere umano nel corpo e nella personalità. Insomma, si è trattato «di costruire un'umanità riunificata e purificata, non antagonista». In questo modo, «da una logica di lotta politica si scivola presto verso una logica di esclusione, quindi verso una ideologia dell'eliminazione e [...] dello sterminio di tutti gli elementi impuri», oppure della loro rieducazione e del loro controllo. I campi per civili (di internamento, di concentramento, di sterminio) sono un prodotto della politica che si fa totalitaria, dispotica, violenta, padrona, manifestando la volontà di dominare la storia, per accelerarla, deviarla, modificarla, indirizzarla. Sono politica oscena, che cerca il trionfo anche nella carne e nel sangue. Sono il paradigma biopolitico della modernità. Infatti, è con la modernità che la violenza politica si esprime in forme sempre più degradanti dell'essere umano in quanto tale. Questo saggio affronta il tema della politica dell'esclusione dove il corpo dell'individuo, del nemico, diventa la posta in gioco delle strategie politiche.

... nell'esercito delle forze di occupazione e la deportazione nei campi di concentramento ... deportazione nell'Enciclopedia Treccani ... . La polemica in corso in Germania fra chi tende a banalizzare la strage nazista (Nolte, Hillgruber) e chi ne sostiene l'unicità (Habermas e molti altri) non può lasciare indifferenti. La tesi ... La deportazione nei campi di concentramento. ... Belluno durante il secondo conflitto mondiale, quando centinaia di persone, di ogni estrazione sociale e appartenenza politica e ideologica, furono arrestate e tradotte nei campi di concentramento in Italia e nel Terzo Reich. ... Nel contempo sorsero anche i campi di internamento coatto. 1940, era precisamente ... Deportazione - Wikipedia ... . ... Nel contempo sorsero anche i campi di internamento coatto. 1940, era precisamente un venerdì, il 7 giugno e non fu un giorno come gli altri in Irpinia. Quel giorno segnò infatti una tragica pagina di storia non solo a livello locale, ma mondiale: l'apertura dei tre campi di concentramento fascisti di Solofra, Monteforte Irpino, e Ariano Irpino. Nel 2018 le polemiche sulla detenzione degli uiguri nei campi di concentramento in Cina e sulla natura di questi campi si sono intensificate. Il mondo intero ha iniziato a venire a conoscenza di una realtà fino ad allora tenuta nell'ombra grazie a un'inchiesta del quotidiano online Bitter Winter , dove venivano mostrati video filmati all'interno di questi campi simili a prigioni. 5.1 I campi di concentramento COUNCIL CONSEIL OF EUROPE DE L'EUROPE I ROM - La storia Considerando il breve lasso temporale (nell'analizzare il crescendo delle misure restrittive nei confronti dei Rom), dal 1938 in poi, i Rom nel Reich tedesco, nei territori tedeschi occupati e nei Paesi associati subirono deportazioni, detenzioni e In questo giorno si celebra la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio 1945 ad opera delle truppe sovietiche dell'Armata Rossa. Legge 20 luglio 2000, n. 211 "Istituzione del "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti" Art. Nella grafica abbiamo visualizzato le storie di oltre 9000 ebrei, perseguiti tra il 1943 e il 1945 e deportati dall'Italia. È possibile osservare la destinazione finale, filtrando per luogo di nascita (cliccando sui pulsanti in alto a destra) e campo di concentramento (cliccando sul nome dei campi nel grafico in alto). All'interno del sistema di campi di concentramento di Jasenovac, controllato dalla milizia Ustascia e dalla polizia politica croata, persero la vita tra i 15.000 e i 20.000 Rom. Non si sa con assoluta precisione quanti Rom siano stati uccisi durante l'Olocausto....